VAS&PGT

pgt.pngDalla Provincia Pavese apprendo che il PGT di Certosa sarebbe a rischio annullamento e questo per via di una sovrapposizione di incarichi, in quanto l’autorità VAS (autorità competente) allo stato attuale è individuata nella persona titolare dell’ufficio tecnico, cioè il sindaco che a sua volta è anche autorità procedente. Pare inoltre che l’autorità VAS debba avere una competenza specifica che – secondo la minoranza – il sindaco ammette di non possedere.

Mi dichiaro non informato in materia e nel tentativo di capirne qualcosa in più, ho trovato un valido spunto in una sentenza del TAR di Milano del 17 Maggio 2010 che riguarda il comune di Cermenate. Eccovi alcuni estratti dal sito www.brunobianchiepartners.it a firma della Dottoressa Loretta Davanzo.

 

Con la recentissima sentenza in commento il giudice amministrativo lombardo ha annullato il PGT di Cermenate per avere il comune individuato all’interno dello stesso ente l’autorità competente in materia di Valutazione Ambientale Strategica e non avere, in questo modo, garantito la necessaria imparzialità tra autorità competente e autorità procedente, così come previsto dall’art. 5 del D. Lgs. 152/2006 “Norme in materia ambientale”.

 

Conclude il Tar Milano che “nella scelta dell’autorità competente, l’autorità procedente deve individuare soggetti pubblici che offrano idonee garanzie non solo di competenza tecnica e di specializzazione in materia di tutela ambientale, ma anche di imparzialità e di indipendenza rispetto all’autorità procedente, allo scopo di assolvere la funzione di valutazione ambientale nella maniera più obiettiva possibile, senza condizionamenti – anche indiretti – da parte dell’autorità procedente”.
Avendo, pertanto, il Comune di Cermenate individuato l’autorità competente esclusivamente fra i soggetti collocati al proprio interno, legati da vincoli di subordinazione gerarchica o politica, ha in questo modo vanificato la finalità della disciplina della VAS, attuando un passaggio burocratico interno piuttosto che risolversi in una verifica dell’impatto del piano sull’ambiente, frustrando in questo modo gli scopi perseguiti dalla Direttiva Comunitaria, in particolare lo “Sviluppo Sostenibile” espressamente enunciato all’art. 3, comma terzo del Trattato dell’Unione Europea.
Nel ritenere tale modus operandi non idoneo a garantire la necessaria imparzialità dell’autorità competente in materia di VAS rispetto a quella procedente in materia di piani, a causa dell’evidente commistione fra il ruolo di controllore e quello di controllato, viene ritenuto illegittimo sia il provvedimento comunale di designazione dell’autorità competente, e quindi annullato il PGT sul quale il comune si dovrà rideterminare, ma viene anche annullata la DGR 27/12/2007 n. VIII/6420 limitatamente all’art. 3.2 dell’Allegato 1 (modello generale) “Autorità competente per la VAS”.

VAS&PGTultima modifica: 2010-10-09T00:25:00+02:00da civitatis
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “VAS&PGT

  1. Se Atene piange, Sparta non ride.

    http://www.ilgiornale.it/milano/il_tar_annulla_pgt_cermenate_anche_milano_trema/05-06-2010/articolo-id=450719-page=0-comments=1

    La Regione Lombardia ha deciso di ricorrere al Consiglio di Stato contro la sentenza del Tar lombardo che ha annullato il Piano di governo del territorio del Comune di Cermenate e parte della delibera regionale sulla Valutazione ambientale strategica con la motivazione che non possono essere gli stessi soggetti a elaborare il piano e a fare la Vas. E questo mentre il Pd a Palazzo Marino chiede assicurazioni sui rischi di annullamento del Pgt che ora è in discussione.
    «Abbiamo deciso di impugnare la decisione del Tar chiedendone la sospensiva – ha spiegato l’assessore all’Urbanistica della Lombardia Daniele Belotti – perché siamo convinti che la nostra delibera sia coerente con le direttive europea e nazionale». E anche per far risparmiare i Comuni, soprattutto i più piccoli, «evitando loro – ha aggiunto – di dover affrontare ingenti spese per consulenze esterne che andrebbero a ricadere sulla parte corrente della spesa e inciderebbero negativamente sul patto di stabilità». Tutte le informazioni sui procedimenti di valutazione sono consultabili sul sito internet http://www.cartografia.regione.lombardia.it/sivas e la direzione Urbanistica si è messa a disposizione delle amministrazioni per qualsiasi chiarimento anche se si riserva «di formulare ulteriori indicazioni – ha sottolineato l’assessore – a seguito della definizione del contenzioso in atto».
    Lunedì, ricorda invece il capogruppo milanese del Pd Pierfrancesco Majorino, dovrebbe svolgersi una riunione del tavolo sul Pgt per sciogliere alcuni nodi riguardanti la gestione dell’aula nelle prossime sedute. «Tuttavia – premette – non abbiamo alcuna intenzione di continuare il confronto sulla gestione degli emendamenti se il Comune non scioglie i dubbi in relazione a come sia stata effettuata la Valuzione ambientale strategica». Sul piano del territorio nei giorni scorsi maggioranza e opposizione hanno finalmente trovato un accordo per superare lo stallo in consiglio. Un pacchetto di emendamenti bipartisan (già approvato quello che trasferisce al Piano di mobilità urbana il via libera definitivo per il tunnel Expo-Linate) per evitare l’ostruzionismo su un migliaio di osservazioni all’ordine del giorno. Il voto (salvo nuovi stop) è fissato per il 28 giugno.

  2. La questione è molto semplice.
    A Certosa il controllore della “Valutazione Ambientale Strategica” ed il controllato sono la stessa persona, per di più senza specifica competenza in materia.
    Che ci azzecca in questo ruolo un pensionato – seppur sindaco – autodichiaratosi incompetente?
    Sarà forse anche lui uno spregiudicato illusionista come Silvio?
    Ma che “Democrazia e Progresso” è se in barba alla legge si è fatto un incarico, anzi più incarichi ad personam, che non vuole mollare neppure davanti alla manifesta incompetenza?
    E’ certamente di più.
    E’ l’inventore di una forma di governo di nuovo conio, più moderna e progredita: suona l’arpa della felicità come fece il suo predecessore Nerone mentre Roma bruciava, e nel frattempo interpreta le leggi a modo proprio, secondo un nuovo rito, quello Certosino.

  3. Apprezzo le opinioni di tutti ma preferirei che i commenti fossero firmati, specie se si fa riferimento a terzi.
    Per ulteriori informazioni rimando al post “Le parole pesano come pietre” del novembre scorso.
    Grazie per la collaborazione.

  4. Stati Generali della Legalità
    Cinema Faro – Corso Umberto I – Casal di Principe (CE)

    “Una giornata per la legalità. Una giornata promossa dal Pd e che sarà conclusa con un discorso di Veltroni a Casal di Principe dove il segretario del Pd era già stato nei mesi scorsi. Gli Stati generali della legalità si terranno sabato 15 novembre in provincia di Caserta.”
    http://www.partitodemocratico.it/gw/producer/dettaglio.aspx?id_doc=63991

    Mandiamoci i vertici del comune di Certosa del PD a farsi un ripasso delle linee del partito …………

    “Prima di combattere la mafia devi farti un auto-esame di coscienza e poi, dopo aver sconfitto la mafia dentro di te, puoi combattere la mafia che c’e’ nel giro dei tuoi amici. La mafia siamo noi e il nostro modo sbagliato di comportarci” (Rita Atria).
    http://www.listacivica5stellepavia.it/page/2/

    Forza 5 stelle !!

  5. Il tema delle mafie riguarda tutti noi, amministratori, associazioni, partiti politici e cittadini. Quella che nel gergo comune viene definita società civile.
    Stasera a “Che tempo che fa” se Rai 3 potrete vedere un’interessante intervista a Giuseppe Pignatone procuratore capo di Reggio Calabria. Già procuratore aggiunto a Palermo, oggi si occupa di ‘ndrangheta, un argomento che a chi vive in Lombardia e anche in provincia di Pavia dovrebbe interessare particolarmente.

    Ribadisco, i commenti andrebbero firmati, innanzitutto per correttezza.
    Commenti che riguardano comportamenti di terze persone o allusioni sono a rischio cancellazione.

Lascia un commento