Itinera di Maggio

Scusate il ritardo. E’ in distribuzione in questi giorni il mensile Itinera Civitatis. Chiunque non lo avesse ricevuto e desiderasse  una copia cartacea del numero di Maggio o anche di un numero precedente, può scriverci alla nostra casella EMAIL.

Ci auguriamo che come sempre sia di vostro gradimento.

Itinera di Maggioultima modifica: 2010-05-25T09:31:34+02:00da civitatis
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Itinera di Maggio

  1. Oggi e’ il 2 giugno e festeggiamo la nostra Costituzione.
    Lasciando ad altri i discorsi di circostanza, mi piacerebbe aver potuto leggere qualche riflessione su quello che sta succedendo vicino a noi.
    Mi riferisco al progetto del megacentro commerciale che hanno intenzione di costruire a Borgarello (e conseguente tangenziale a Certosa di Pavia).
    Personalmente gradirei che si aprisse un dibattito, qui ed in altri blog su questo tema.
    C’è chi dice che i piccoli negozi a Pavia sono difficili da raggiungere per mancanza di parcheggio e dai prezzi alti.
    Si afferma anche che nei megacentri commerciali si trova tutto nello stesso posto a prezzi più convenienti.
    L’ho letto in un commento sulla Provincia Pavese.
    Per quanto riguarda la convenienza e la qualità della merce venduta dagli ipermercati bisognerebbe fare dei distinguo.
    Molto spesso capita che le offerte siano fatte con prodotti di qualità discutibile.
    Personalmente ho potuto constare che frutta e verdura e’ spesso deteriorata e, una volta a casa, non dura un giorno.
    I risparmi fatti finiscono nella spazzatura. Il problema vero – assolutamente non ideologico – e’ che i terreni vergini che vengono usati per costruire queste cattedrali moderne vengono sottratti in modo definitivo ed irreparabile.
    Per uno sviluppo vero bisogna utilizzare gli spazi che sono già stati compromessi.
    In città (ma anche qui a Certosa) ci sono aree dismesse che una volta erano nelle periferie e che ora si trovano molto vicine al centro storico.
    Il discorso occupazionale verrebbe garantito con il loro recupero e riconversione.
    Li’ si dovrebbero creare spazi attrezzati per i mercati.
    In Italia, ancora paese da terzo mondo (senza offesa per loro) i mercati vengono fatti nelle piazze e nelle strade e gli operatori sono senza alcun servizio.

Lascia un commento